visitatori on line
Rubrica “Cogemarforvideo”
Seguici su Facebook
1diNoi
Rubrica “Cogemarforvideo”

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo sito/blog e ricevere notifiche di nuovi post/articoli via e-mail.

Esplora per argomenti
Archivio Articoli
settembre: 2017
L M M G V S D
« ott    
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
252627282930  
Pubblica un video
Vuoi pubblicare un video ? Vuoi fare un appello ? Spedisci una presentazione e il link del video a cogemar.dangella@gmail.com con la/e relativa tua/e autorizzazione o di terzi. Verrà pubblicato nella Sez. Video "ECOgemar"
statistiche tempo reale
Statistiche Pagine/Articoli/Links
  • Total Stats
    • 76 Posts
    • 1.379 Tags
    • 11 Links
Raccontati
Sei un paziente, genitore, conoscente, sanitario ? Raccontare la tua esperienza ha doppia valenza: Scambiando le informazioni in rete puoi aiutare ed essere aiutato. Quindi: 1.Registrati più giù a destra (registe r) - 2.Fai il log-in e vai alla pagina contattaci - 3.Presentati ed esponi. Oppure scrivi direttamente a cogemar.dangella@gmail.com
Telef verde Malattie Rare 800.89.69.49
. . . . . . . Dal Lun. al Ven. 9.00 - 13.00 . . . . . . .
Per ingrandire clicca destro + apri in scheda o finestra

Sla, al Mario Negri scoperti i meccanismi che ne regolano il decorso

Fonte Osservatorio Malattie Rare, la scrittura non è autentica
Autore: Redazione,  26 Set 2013   
 I risultati dello studio sono stati pubblicati sulla prestigiosa rivista scientifica Brain

Milano – Grazie alla collaborazione e tra l’IRCCS Istituto di Ricerche Farmacologiche ‘Mario Negri’ di Milano e l’ Università di Sheffield in Inghilterra è stata pubblicata una nuova ricerca che ha permesso di identificare i fattori che possono influenzare il decorso più o meno rapido della Sclerosi Laterale Amiotrofica (SLA).
La ricerca è stata condotta osservando due modelli di topi portatori dello stesso gene mutato responsabile della SLA, che hanno sviluppato la malattia con una  progressione molto diversa tra loro. La ricerca si è svolta presso il Laboratorio di Neurobiologia Molecolare  dell’Istituto ‘Mario Negri diretto da Caterina Bendotti.

In particolare, Giovanni Nardo ha analizzato i motoneuroni, cioè le cellule nervose che comandano i muscoli per il movimento e la respirazione,  dei due modelli di topi con SLA a diversi stadi della malattia, avvalendosi della  collaborazione di Pamela Shaw, Direttrice del “Sheffield Institute for Translational Neuroscience (SITraN)” all’università di Sheffield, che coordina un gruppo leader nell’analisi dell’espressione di geni in cellule isolate dal tessuto nervoso.
“Lo studio ha messo in evidenza – spiega Giovanni Nardo, dell’IRCCS Istituto di Ricerche Farmacologiche ‘Mario Negri’ -, che all’esordio dei sintomi, cioè prima ancora che ci sia debolezza muscolare, tra i due modelli di topo con rapida e lenta progressione si osservano differenze importanti nei motoneuroni.

In particolare si sono osservate differenze nel modo in cui queste cellule reagiscono attivando più o meno intensamente dei meccanismi di danno, come ad esempio la disfunzione dei mitocondri e del trasporto assonale (fondamentale per la sopravvivenza delle cellule grazie al trasporto intracellulare di proteine e organelli) e l’alterata degradazione proteica a scapito di quelli protettivi, come l’attivazione di una risposta di difesa immunitaria. Aver identificato alcuni di questi meccanismi ci aiuta a poter indirizzare in modo più efficace gli interventi farmacologici per rallentare, in fase molto precoce, questa devastante malattia. Da questo studio è possibile anche identificare dei biomarcatori prognostici, cioè delle molecole in grado di prevedere la progressione della malattia e di monitorare  l’efficacia di trattamenti sperimentali”.

“La numerosità di informazioni dettagliate ottenute da questo studio – aggiunge Caterina Bendotti – favorisce lo sviluppo di nuove ipotesi sui meccanismi patogenici della malattia. Questo sarà argomento di indagini future che aprirà nuove collaborazioni nell’ambito della comunità scientifica che si occupa di SLA  per raggiungere più velocemente possibile l’obiettivo della cura”.

La SLA è una malattia che colpisce i motoneuroni, cioè le cellule nervose che comandano i muscoli per il movimento e la respirazione fino a portare alla paralisi totale e alla morte. In Italia sono circa 5 mila le persone colpite da questa malattia. La SLA è una malattia piuttosto eterogenea dal punto di vista clinico con una elevata variabilità nella sua progressione e durata che può andare dai 2 ad oltre i 10 anni dopo la diagnosi. Questo fenomeno, dovuto alla complessità dei meccanismi che causano la morte dei motoneuroni, rende difficile  l’applicazione di potenziali terapie.

Lo studio è stato finanziato per la maggior parte dall’MND Association inglese, con un  contributo  della Comunità Europea e della Regione Lombardia.

 

Comments

comments

. Translate
EnglishFrenchGermanItalianPortugueseRussianSpanish
Sez. Video “ECOgemar”
Ultimi Articoli
Rubr. “Cogemarforvideo”
Commenti Articoli
Rubrica ” Consigliamoci “
Apporta la tua esperienza come interscambio a beneficio dei lettori. Iscriviti e vai su contattaci oppure manda un messaggio di posta elettronica direttamente a cogemar.dangella@gmail.com
Rubr.”Consigliamoci un libro”
Segnala dalla tua esperienza una buona lettura.. Iscriviti e vai su "contattaci" oppure manda un messaggio di posta elettronica direttamente a cogemar.dangella@gmail.com
Cogemar Relax -In Allestim.
Quando hai bisogno di fermare il mondo, anche solo per un attimo, ascolta queste note.